LOADING

Type to search

Il sovranismo trionfa anche in Sardegna. E le europee si avvicinano

Politica Nazionale

Il sovranismo trionfa anche in Sardegna. E le europee si avvicinano

Share
di Giuseppe Fontana – Ad urne ormai chiuse e sezioni scrutinate, le tanto attese consultazioni regionali regionali sarde consegnano un emblematico quadro politico il cui ampio respiro non può non sortire effetti anche sul piano nazionale.
È del resto innegabile che la netta affermazione del candidato sovranista, Christian Solinas, sostenuto da una coalizione che spazia da Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia passando per il Partito Sardo d’Azione, sia da accreditare ad un evidente, quanto ormai strutturato, mutamento della percezione della realtà politica e partitica da parte dell’opinione pubblica.
Difatti, la cocente sconfitta elettorale inflitta ai danni delle forze progressiste, unita all’evidente difficoltà in cui versa la compagine movimentista “pentastellata”, presuppongono un palese, quanto affermato, stato di crisi in cui ormai versano buona parte delle forze partitiche e movimentistiche del Paese. L’assenza di proposte concrete ed attualizzabili, basate sulle reali, legittime e sovrane esigenze identitarie di un popolo, rappresenta la vera motivazione che sta alla base del responso delle urne sarde.
L’impetuoso successo dell’agenda sovranista a traino Lega, vince, dilaga ed inghiotte, in un sol boccone, anche il Movimento 5 Stelle che, come un miope gigante dai piedi d’argilla, inesorabilmente crolla sotto il peso delle insite contraddizioni e delle lotte intestine. Un dato rilevante, che definisce i tratti delle rinnovate dinamiche del risultato elettorale, è la crescita del consenso popolare attorno all’impegno leghista saldamente ancorato ad una “Politica del Fare” e di presenza diretta sui territori che, indipendentemente dalle tipologia di consultazione elettorale, sia nazionale che su base locale, riesce a consolidare un primato oltre la delimitazione di partito del Nord ormai proiettato anche al Sud come il Partito della Nazione.
In una lettura metapolitica e valoriale, tali riscontri in crescita di consenso possono esser decifrati come un ritorno “della Politica nella Politica”, superando – per come giusto – l’egemonica presenza di un’economia finanziaria e di un’antipolitica che mai potranno essere considerati come Istituzioni atte a delineare e governare i processi di Governo delle Comunità nazionali ed internazionali
Adesso, superato lo scoglio sardo, l’inesorabile appuntamento con la Storia verrà segnato delle consultazioni europee, il cui responso influenzerà i futuri destini dei popoli del Vecchio Mondo. Ciò che oggi si è verificato in Sardegna auspichiamo possa, domani, accadere in Europa. Avanti forza paris!
Tags:

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *