LOADING

Type to search

I bambini di Crema due volte vittime

Primo Piano

I bambini di Crema due volte vittime

Share
di Antonio Virduci – Voleva vendicare i migranti morti in mare il senegalese Ousseynou Sy (con cittadinanza italiana, tiene a precisare il politically correct imperante) e se l’e’ presa con i nostri figli, vittime inconsapevoli di un gesto estremo e vile come è senza alcun dubbio quello del dirottamento prima e l’incendio poi di un bus adibito al trasporto di studenti.
E’ successo nella civilissima Crema, a due passi da Milano. Per fortuna tanto spavento e pochi danni per i ragazzini di una scuola media che dovevano essere soltanto trasportati dalle aule alla palestra ma che si sono trovati proiettati dentro un incubo, loro malgrado. Vittime si, ma due volte, a ben pensarci.
E sì, perché se da un parte c’è il gesto di un folle che irrompe nella cronaca del giorno, dall’altra non si può far finta di nulla e non collegare questo gravissimo fatto alla follia buonista che imperversa su web, tv e giornali e cerca ad ogni costo di far passare per buono ciò che buono non è. “Aprite i porti”, “Salvini razzista”, “Nobel a Lucano” e i risultati poi sono questi: il 47enne senegalese la pensava come i vari Fazio, Saviano e Boldrini, quando questa mattina ha deciso di dirigersi verso Linate con una quarantina di studenti come ostaggi e una tanica di benzina da usare all’occorrenza.
“Aprite i porti” era la parola d’ordine pure per il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, la cui amministrazione si era pubblicamente schierata contro il Decreto sicurezza. La foga a favore dei clandestini, da quella parti, ha fatto sfuggire i problemi reali.
Una considerazione: siamo sicuri che il Comune di Crema abbia effettuato i doverosi controlli sui dipendenti di una società che offre un servizio di trasporto pubblico pure per le scuole? Avremo il privilegio di venire a conoscenza di un rigoroso accertamento delle responsabilità per un affidamento così gravemente superficiale?
Alle prossime cronache l’ardua sentenza.
*(N.B. L’immagine di copertina è tratta dalla pagina facebook Comando Vigili del Fuoco Milano – https://www.facebook.com/comandovigilidelfuocomilano/)
Tags:

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *