LOADING

Type to search

Movimento Cinque Stelle, tramonto di una esperienza politica?

Politica Nazionale Primo Piano

Movimento Cinque Stelle, tramonto di una esperienza politica?

Share
Il Movimento rischia la definitiva uscita di scena dal panorama politico italiano a causa di scelte e decisioni che lo hanno messo sul medesimo piano dei ben più consolidati partiti liberali e progressisti
di Francesco Marrara – Trasformismo e ambiguità rappresentano, oramai da qualche tempo, presupposti consolidati in seno al Movimento Cinque Stelle. Dopo il boom delle politiche del 4 marzo 2018, il Movimento, con le elezioni europee dello scorso 26 maggio ha nettamente dimezzato i propri consensi. Probabilmente oltre al fattore comunicativo, fondamentale nell’era dei social e delle piazze virtuali, il lento declino dei grillini è dovuto ad alcuni dei seguenti fattori: il progressivo distacco tra le istanze portate avanti dalle base e le decisioni prese dalla classe dirigente; l’appiattimento, sui grandi temi (Sovranità, Immigrazione, Famiglia, Unione Europea), sulle medesime posizioni dei tradizionali partiti liberali e progressisti.
Per quanto riguarda il primo presupposto, l’unico vero collante tra il sentimento nazionalpopolare e la dirigenza è incarnato dalla figura di Alessandro Di Battista il quale, con dichiarazioni impertinenti e partecipazioni ad iniziative culturali controcorrente, cerca di mantenere in vita quell’anima dura e pura del Movimento delle origini. Dall’altro, questi interessanti tentativi vengono completamente resi vani dalle prese di posizione di coloro i quali rappresentano il Movimento all’interno dei palazzi istituzionali. A tal proposito ricordiamo il recente contributo all’elezione del Presidente della Commissione Europea, nonché la volontà di far entrare Atlantia – società facente capo alla famiglia Benetton e finita sotto l’occhio del ciclone dopo il crollo del Ponte Morandi – tra gli azionisti di Alitalia. Dunque, un elettore attento a determinate dinamiche, perché dovrebbe continuare a sostenere il Movimento piuttosto che avvicinarsi ad un altro partito che, nelle proprie corde, manifesta con molta franchezza una vocazione più coerente e consolidata?
Da queste brevi, ma cruciali, considerazioni è possibile constatare come il M5S abbia quasi completamente esaurito la spinta innovativa e propulsiva delle origini. È giunto il momento di dichiarare apertamente che il vero ruolo della creatura di Grillo e Casaleggio era quello di incanalare il dissenso popolare all’interno di un contenitore che, una volta raggiunto il proprio obiettivo, avrebbe dovuto pian piano sgonfiare e annientare il diffuso malcontento popolare. Consapevoli che il M5S rappresenti ancora la forza politica guida dell’attuale governo, tuttavia, a meno di clamorosi capovolgimenti di fronte nella linea politica interna, l’esperienza politica targata Cinque Stelle è quasi definitivamente giunta al capolinea a causa di una strategia politico-comunicativa scellerata ed autolesionista.
Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *