LOADING

Type to search

Il libro. Al tayar, la corrente del Nilo che travolge

Cultura Primo Piano

Il libro. Al tayar, la corrente del Nilo che travolge

Share
Il racconto che si sviluppa è intenso, appassionante, si legge tutto d’un fiato ed accompagna per mano lungo le vie del Cairo, enorme metropoli dai ritmi sempre frenetici come il magma di un vulcano che tutto travolge
di Giorgio Arconte – Se avete già conosciuto le avventure giapponesi del giovane Alex raccontate in “Doromizu / Acqua torbida”, romanzo d’esordio di Mario Vattani, adesso non potete assolutamente perdervi “Al tayar / La corrente”, edito da Mondadori. Alex, infatti, non smette di cacciarsi nei guai e, per riparare ad un debito maturato in Inghilterra, inconsapevolmente finisce dentro un pericoloso traffico di organi nella terra d’Egitto. Il racconto che si sviluppa fra scenari noir e visioni pulp è intenso, appassionante, si legge tutto d’un fiato ed accompagna per mano lungo le vie del Cairo, enorme metropoli dai ritmi sempre frenetici come il magma di un vulcano che tutto travolge.
Eppure Alex resta subito affascinato da questa terra baciata dal Nilo e dalla Storia, tanto da cercare proprio qui riposo e risposte per le sue inquietudini ad una vita che non riesce a trovare stabilità. Se Alex avrà ragione o meno di questa sua scelta lo scoprirete mentre l’autore vi farà immergere pienamente dentro la cultura egiziana ed araba. Vattani appare un ottimo conoscitore dei posti descritti e dei suoi costumi grazie anche agli anni di carriera diplomatica vissuti nella terra dei faraoni ed in questo libro trasformati in arte. Il suo stile è coinvolgente, con semplicità riesce a raccontare l’Islam al di là di ogni stereotipo, insieme alle tensioni sociali di un Paese complesso e tormentato dalla povertà e dal terrorismo di frange estremiste. Nel racconto non manca anche la presenza dei cristiani coopti, tanto da poter riconoscere in questa opera un reale ponte fra Oriente ed Occidente. Ma non è tutto.
“Al tayar”, già dalla bellissima copertina, è anche una meravigliosa ode dedicata alla donna! Nel racconto se ne incontrano tante, tutte bellissime ed ognuna diversa dall’altra con i propri caratteri decisi e le loro personalità affascinanti. Per Alex saranno tutte fondamentali e rappresenteranno per lui sempre un ancora, un appiglio, una sicurezza come a significare che l’uomo senza donna è una nave in balia di un mare in tempesta. In questo romanzo, la donna viene strappata dalle umiliazioni del femminismo isterico che continua a ridurla al solo suo corpo trasformato inevitabilmente in un mero oggetto per il piacere, che sia personale o altrui. Se da un lato la cultura progressista concepisce nello scontro fra maschile e femminile l’emancipazione della donna, in Vattani la donna viene invece riconsegnata alla sua nobiltà ed alla sua dimensione naturale accanto all’uomo. L’essenza femminile è nella sua sensibilità che è forza viva, ed è solo nell’alleanza fra uomo e donna che quest’ultima realizza la sua libertà e la sua vocazione di perno e riferimento, di culla della vita.
Tutto questo è raccontato fra diverse peripezie ed improvvisi colpi di scena che si susseguono fino all’ultima pagina ma, chissà se questa chiuderà davvero le avventure del nostro Alex.
Tags:

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *