LOADING

Type to search

Coronavirus, la politica abdica alla tecnocrazia della sorveglianza

Politica Nazionale Primo Piano

Coronavirus, la politica abdica alla tecnocrazia della sorveglianza

Share
La minaccia Coronavirus ha fatto emergere un dato importante e allo stesso inquietante: il sopravvento della tecnocrazia sulla politica
di Francesco Marrara – Il governo giallofucsia, per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, ha deciso di affidarsi alla “competenza” di tecnici ed esperti. Con la nascita delle cosidette “task force”, la politica ha abdicato alle proprie responsabilità. L’emblema di questo lento e inesorabile declino della politica, di fatto, lo si può riscontrare nell’esautorazione del parlamento il quale, nelle ultime settimane, è stato ridotto alla stregua di un’aula sorda e grigia.
La cosiddetta “Fase 1”, quella della responsabilità sociale, sta per giungere al capolinea. Si aprirà, pertanto, la cosiddetta “Fase 2” secondo la quale, gradualmente e per step, si dovrebbe ritornare ad una vita normale (più o meno). Aldilà dell’ossessione per la positività, degli hashtag #andràtuttobene e #restiamoacasa, la crisi economica e sociale, che a breve si manifesterà in tutta la sua aggressività, ci riporterà con i piedi per terra. Il futuro che si presenta all’orizzonte non è certamente dei migliori ed il governo italiano, a parte proclami roboanti, risulta essere il grande assente ingiustificato. Da settimane, infatti, si parla di grossi investimenti nel tessuto economico e produttivo. Si paventa addirittura una “potenza di fuoco” con la quale scardinare la minaccia della povertà (con soldi prestati strozzo). Al momento, l’unica risposta data dal “governo degli esperti” per la risoluzione del problema povertà sembrerebbe essere un’app per smartphone attraverso la quale implementare il controllo sulla popolazione. Dunque, il trionfo della tecnocrazia della sorveglianza sulla politica, i diritti e le libertà dei cittadini.
Nonostante il momento difficile siamo certi che l’Italia, da grande nazione, alzerà la testa e, con forza e determinazione, riuscirà a risollevarsi come ha sempre fatto nel corso della sua storia. Per fare ciò, occorrerà fin da subito gettare le basi per la nascita di una nuova classe politica dirigente preparata, competente e pronta a farsi carico di ogni responsabilità politica.
Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *