LOADING

Type to search

Il libro. L’uomo custode della natura. Un viaggio alla scoperta della conservazione dell’ambiente

Cultura Primo Piano

Il libro. L’uomo custode della natura. Un viaggio alla scoperta della conservazione dell’ambiente

Share
Una conversione in senso ambientalista dell’economia, e quindi della produzione e dei consumi, non può prescindere da un rapporto di prossimità con il territorio e, soprattutto in Italia, una riscoperta della sua cultura rurale: “la natura come comunità”.
di Giorgio ArconteL’uomo custode della natura, edito da Historica e a firma Ferrante De Benedictis è un viaggio all’interno del mondo conservatore in versione “ecologista”. Il conseguenziale rapporto fra le destre e la natura è stato già esplorato nell’ultima opera di Giubilei, “Conservare la natura”, e da qui sembra nascere questo piccolo ma molto denso saggio di De Benedictis.
Il tema dell’ambiente e del benessere della Terra ormai è protagonista nel dibattito politico italiano ed occidentale, per questo la cultura di “destra” e, nello specifico, quella “conservatrice” non vuole e non può sottrarsi con proprie analisi e proposte. Il punto di partenza di questa originale prospettiva è sempre il locale, perché solo da un legame intimo e personale con la propria terra e la propria comunità può nascere quel sentimento di amore che è condizione necessaria per la cura del Creato. Le soluzioni che guardano al globale, con proposte spesso radicali e avulse da un contesto di realtà, si rivelano spesso solo vuoti espedienti ideologici buoni solo a riempire slogan “gretini”. «Conservare e insieme custodire – spiega De Benedictis – vuol dire anzitutto amare e quindi proteggere, ma non si può né amare né proteggere se non si ha in animo un’idea di comunità e di etica. Etica della terra appunto che allarga i confini della comunità di persone al suolo, alle acque, agli animali di cui l’uomo ne è custode e non proprietario».
Una conversione in senso ambientalista dell’economia, e quindi della produzione e dei consumi, non può prescindere da un rapporto di prossimità con il territorio e, soprattutto in Italia, una riscoperta della sua cultura rurale: “la natura come comunità”. A tal proposito, una bella soluzione fra il pedagogico e l’ecologico, individuata dall’autore, è l’individuazione di zone chiamate “Wilderness”, ovvero una sorta di parchi naturali incontaminati. Ciò, però, non significa escludere l’uomo che, anzi, è parte integrante di questo contesto “selvaggio”. L’essere umano, infatti, non è un nemico della natura ma è parte di essa, ovviamente quando questa è in armonia con il territorio. Un esempio su tutti è la caccia, pratica che se giustamente regolamentata, diventa un naturale strumento per la conservazione e la tutela della biodiversità.
Il libro attraversa anche una approfondita analisi sui fenomeni di inquinamento e sugli scenari energetici che possono caratterizzare i prossimi anni, traendo da questi analisi e possibili soluzioni: una Terra pulita è possibile.
Tags:

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *